Determinazione del K270 nell'olio di oliva

CDR OxiTester sistema di analisi dell'olio di oliva rapido semplice e afifdabile in frantoio in oleificio nell'acquistoQuesto esame, oltre a fornire indicazioni utili sulla qualità dell’olio e sul suo grado di ossidazione, permette di risolvere il problema di eventuali aggiunte di olio rettificato all’olio di oliva vergine, sfruttando il fatto che gli oli naturali estratti meccanicamente non contengono doppi e tripli legami coniugati, che invece si formano, durante la rettifica. Quindi gli oli rettificati presentano valori di assorbimento nell’U.V., particolarmente nella zona intorno a 270 nm, notevolmente superiori a quelli di oli vergini e extra vergini. Anche la formazione di gruppi chetonici, durante gli stadi più avanzati di ossidazione, provoca un maggior assorbimento a 270 nm.

Analizzatore per la determinazione del K270 nell’olio

È possibile determinare il K270 in olio di oliva con il sistema di analisi CDR OxiTester il sistema di analisi dell’olio d’oliva rapido, semplice e affidabile pensato per effettuare controlli di qualità in tutte le fasi del processo produttivo in frantoio, in oleificio o al momento dell’acquisto. 

  CDR OxiTester per analisi su olio di olivaCDR OXITESTER
Analisi

Acidità
Perossidi
Polifenoli
K 270

Analisi eseguibili contemporaneamente 16
Possibilità di eseguire più analisi sullo stesso campione si

Scopri tutte le caratteristiche degli strumenti di analisi CDR OxiTester»

Metodica

Analisi di tipo End Point.
Tempo di analisi: immediato.
Sono possibili sessioni di analisi con più campioni fino ad un massimo di 16.

comesifaanalisi-o

Principio del test

Il campione di olio viene sciolto in apposito solvente e viene fatta una lettura dell’assorbanza della soluzione a 270 nm. I valori di tali assorbimenti sono espressi come estinzione specifica E 1% 1 cm (estinzione di una soluzione della sostanza grassa all’1% nel solvente prescritto in spessore di 1 cm) convenzionalmente indicata con K, (detto anche coefficiente di estinzione).

Correlazione con il metodo di riferimento

La curva di calibrazione dell’analisi, effettuata rispetto alla metodica di riferimento, ha confermato un’ottima linearità del sistema su tutto il range di misura.

Determianzione del k270 con CDR OxiTester: correlazione al metodo di rifermento

Kit dei Reagenti

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi. Questa è la minima confezione che consente un utilizzo dei sistemi CDR anche a coloro che hanno necessità di effettuare poche analisi, senza quindi sprecare reagenti. Sono disponibili anche confezioni da 100 test, comunque confezionati in 10 buste da 10 provette contenenti il reagente.

Codice *300570: 100 test.

Trattamento – Volume del Campione – Range di Misura

Campione
Olio tal quale.

Range di misura Risoluzione Ripetibilità
0,020 – 1,570 0,001 0,01

Reagents developed by CDR S.r.l - Quality System Certified ISO 9001 Ed. 2015 - Certificate n. 9115

« back

Invia la richiesta

Con i sistemi CDR fai le analisi in autonomia

Non ci vogliono né un tecnico né le attrezzature di un laboratorio specializzato per utilizzarlo: CDR Foodlab® semplifica le procedure tradizionali di analisi, garantendo standard di accuratezza in linea con i metodi di riferimento.

Kit analitico

I sistemi di analisi CDR FoodLab® impiegano reagenti forniti già infialati in provette monouso messi a punto dai laboratori CDR per la specifica applicazione che insieme alle procedure analitiche consentono di:

  • rendere la preparazione del campione assente o molto facile e veloce
  • rendere le metodiche analitiche molto rapide e semplici
  • eliminare la necessità di procedure di calibrazione

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi.

Sono disponibili anche confezioni da 100 test composte da 10 confezioni da 10 provette.

Pochi passaggi bastano per avere già il risultato

Ti saranno sufficienti pochi passaggi per eseguire i test in modo autonomo e rapido. Il sistema comprende sia l’analizzatore a tecnologia fotometrica sia i reagenti pronti all’uso, sviluppati da CDR a bassa tossicità.

CDR Foodlab® conviene anche perché non richiede l’uso di materiali costosi, azzera i costi di manutenzione, quelli di assistenza e di calibrazione.
Scopri come lavora