CDR OxiTester al frantoio dell’OTA

Le analisi dell'olio di oliva rapide semplici e affidabili in frantoio o sull'impianto dell'azienda olearia: le analisi chimche non sono più un problema

Giampiero Cresti, direttore Olivicoltori Toscani Associati:

CDR OxiTester si presta ad essere utilizzato da chiunque, basta sia in grado di leggere! Inoltre è estremamente pratico e veloce. L’operatore deve solo attaccare la presa della corrente, seguire una semplicissima procedura di analisi ed ottiene subito i risultati.

Qui in frantoio, noi lo utilizziamo con estrema facilità. Fare le analisi è diventata una routine e siamo contenti di offrire questo servizio agli agricoltori che si rivolgono a noi per la frangitura.

Nell’ufficio proprio accanto ai nostri impianti l’addetto amministrativo, durante la campagna olearia, fa le analisi delle partite di olio prodotte, soprattutto di acidità, perossidi e polifenoli, a partire da un piccola quantità campione. In questo modo possiamo rilasciare subito i risultati al produttore, che rimane soddisfatto portandosi a casa una scheda analitica riassuntiva. Con CDR OxiTester facciamo anche le analisi dell’olio in conferimento per verificare che sia in linea con i parametri previsti dal disciplinare I.G.P. Toscano.

Giampiero Cresti, direttore OTA, il frantoio che utilizza il sistema OxiTester per le analisi dell'olio di olivaSiamo inoltre in grado di fare le analisi delle partite di olio presso i frantoi privati con cui collaboriamo: trasportando il CDR OxiTester in una valigetta ci possiamo recare al frantoio per fare direttamente le analisi.

All’OTA abbiamo a disposizione un CDR OxiTester ed un MiniFood: li utilizziamo da più di 10 anni e siamo molto soddisfatti delle loro prestazioni, non solo per la semplicità e la velocità d’uso ma anche per la loro affidabilità e conformità agli standard di riferimento. Li consiglio ad associati, frantoiani ed esperti del settore.”

CDR OxiTester rappresentano strumenti di controllo analitico immediati e facili da usare, adattabili alle esigenze di un frantoio. Gli analizzatori infatti presentano indubbiamente dei vantaggi pratici ma, favorendo il confronto, aiutano anche il miglioramento continuo dei processi oltre che la diffusione della cultura dell’olio.

Cos’è l’OTA? Olivicoltori Toscani Associati è una cooperativa agricola la cui storia inizia negli anni ’70 quando nasce come associazione di produttori di olio di oliva. Dalla coltivazione degli olivi alla successiva trasformazione in olio, l’OTA offre un servizio di assistenza completa per i suoi soci.La struttura e gli impianti del frantoio dell'OTA a Cerbaia V.P. (Firenze) Da molti anni gestisce inoltre il frantoio della cooperativa, oggi un moderno impianto che produce circa 400.000 kg di olio all’anno (Extra Vergine di Oliva, salvo rare eccezioni) e rivende l’olio in conferimento, esclusivamente toscano I.G.P. Con i suoi 18.000 associati e la collaborazione di 27 frantoi nel centro sud della Toscana, l’OTA è un’istituzione affermata che non limita la sua attività all’annuale campagna olearia. Al frantoio dell’OTA si organizzano infatti visite per delegazioni italiane e straniere, si fanno attività di ricerca e sperimentazione, si collabora con enti pubblici e privati, si portano avanti progetti di aggiornamento sulle ultime innovazioni nel settore della produzione dell’olio, si promuovono progetti di sensibilizzazione e di diffusione della cultura dell’olio, c’è inoltre la sede dell’Accademia del Gusto dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN). Corsi di aggiornamento, consulenze e formazione vengono organizzati nelle varie sedi territoriali. L’OTA è dunque una vivace realtà del settore olivicolo ed un importante punto di riferimento per la Toscana centro-meridionale.

CDR OxiTester, clicca e leggi più informazioni:
Facile da usare, rapido ed affidabile

Le analisi dell’olio all’OTA (Olivicoltori Toscani Associati) – case study was last modified: novembre 18th, 2016 by CDR s.r.l.