I giorni di #enocamp: prodotti e tecniche di vinificazione

Analisi chimiche del vino semplici e affidabili in cantina con CDRWineLab

Agenti di chiarifica a base di proteine vegetali, affinamento dei vini, lotta contro i lieviti del genere Brettanomyces, analisi chimiche del vino. Sono i principali argomenti affrontati durante le presentazioni di #enocamp della scorsa settimana, organizzate da Nieri Enologia e l’agente Elena Paoletti, distributori e rivenditore del nostro sistema di analisi per vino e mosto CDR WineLab®, in collaborazione con Laffort Italia e CDR.

Apertura della conferenza in Maremma durante la mattinata di venerdì 7 marzo

I due incontri hanno visto la partecipazione di professionisti ed enologi di molte cantine toscane e si sono svolti nel Chianti giovedì 6 marzo e nell’entroterra maremmano venerdì 7 marzo.

Oltre al mio intervento, teso ad illustrare le caratteristiche del sistema di analisi per vino CDR WineLab® e del suo funzionamento in cantina, il programma di entrambe le giornate prevedeva gli approfondimenti a cura dei tecnici di Laffort Italia, Guido Parodi e Antonio Grazietti.

Con Guido Parodi si è parlato di strumenti efficaci per l’eliminazione del Brettanomyces, illustrando i risultati di alcune prove sperimentali ed il funzionamento di un nuovo prodotto Laffort specifico per questo problema. Antonio Grazietti si è concentrato invece su trattamento ed affinamento dei vini ed un nuovo agente proteico di chiarifica derivato da patata, estremamente innovativo. In un apposito campione di vino bianco è stato possibile vedere in azione questo prodotto e constatarne gli effetti prima e dopo il suo utilizzo.

Simone Bellassai illustra le analisi del vino di CDR WineLab

Misurando con CDR WineLab® l’Indice dei Polifenoli Totali in due campioni di vino prima e dopo il trattamento, è stato inoltre possibile verificare l’efficacia del chiarificante Laffort che presenta diversi aspetti vantaggiosi: elevata velocità di sedimentazione, ottima capacità di eliminazione delle componenti polifenoliche brune, ossidate ed ossidabili nei mosti e nei vini bianchi, esaltazione del profilo aromatico.

L’incontro si è concluso con una sessione di assaggio di vini bianchi e rossi sottoposti ai trattamenti illustrati e con una breve panoramica su degustazione ed analisi sensoriale, in relazione alla pratica di cantina nell’affinamento e relative strategie applicabili.

Sono intervenuti enologi, consulenti, tecnici di laboratorio di grandi cantine, grandi e piccoli produttori di vino, tecnici di produzione e docenti universitari. Tutti hanno partecipato con interesse alle giornate di #enocamp.

I due appuntamenti hanno infine permesso di dimostrare la squisita accoglienza dei nostri ospiti, Vinifera Nieri a Panzano e tenuta Rocca di Montemassi (GR) in Maremma, ai quali vanno i ringraziamenti di CDR.

 

 

Bottiglie e bicchieri per l'assaggio dei campioni di vino bianco e vino rosso

I partecipanti al tavolo degli assaggi con Antonio Grazietti

Uno dei vitigni della tenuta Rocca di Montemassi, in Maremma

Clicca qui per maggiori informazioni su CDR WineLab®: Affidabile, rapido e semplice da usare – risultati conformi ai metodi di riferimento

Le analisi del vino di CDR WineLab® ad #enocamp il 6 e 7 marzo 2014 was last modified: giugno 29th, 2017 by CDR s.r.l.