Misurare l'acidità di un olio di oliva: metodi a confronto

Le analisi dell'olio di oliva rapide semplici e affidabili in frantoio o sull'impianto dell'azienda olearia: le analisi chimche non sono più un problema La misura dell’acidità di un olio d’oliva è il più antico sistema di controllo e classificazione merceologica degli oli, anche se da sola non è sufficiente a definire totalmente la qualità del prodotto.

Infatti le categorie merceologiche dell’olio di oliva sono codificate dalla Unione Europea nella direttiva 136/6623/CEE . Il Reg.CE 2568/91 e in ultimo il Reg.CE 1989/03 in base alla acidità.

La metodica ufficiale

misurare l'acidità dell'olio in frantoio per definirne la classificazione merceologicaLa metodica ufficiale prevede una titolazione degli acidi grassi liberi con una soluzione di idrossido di sodio (o di potassio) accuratamente standardizzata, usando come indicatore la fenoftaleina. L’olio deve essere preventivamente sciolto in solvente (alcool etilico/etere etilico) e poi titolato goccia a goccia tramite una buretta graduata.

L’impiego del titolatore per la misura dell’acidità dell’olio di oliva è dispendioso in termini di tempo, inoltre è necessario un operatore specializzato che sia in grado di utilizzare burette e varia vetreria e di determinare il punto di viraggio per rilevare il termine della titolazione.

Inoltre questo metodo di misura dell’acidità dell’olio richiede particolari accorgimenti quali l’utilizzo di una cappa aspirante per la preparazione della miscela dell’alcool etilico – etere etilico o l’assenza nelle vicinanze di fiamme libere o riscaldatori elettrici in funzione.

Misurare l’acidità dell’olio con l’acidimetro

In alternativa all’impiego del titolatore esistono in commercio gli acidimetri che funzionano sfruttando lo stesso principio. L’uso dell’acidimetro come misuratore della acidità di un olio di oliva rende la metodica più semplici, ma i risultati ottenuti sono meno accurati e la sensibilità spesso scarsa.

Determinare l’acidità dell’olio con CDR OxiTester

CDR OxiTester per le analisi dell'olio di oliva in frantoioL’acidità nell’olio può essere misurata anche con il sistema CDR OxiTester che impiega un metodo semplice, rapido e affidabile per valutare questo importante parametro.

Con questo strumento anche operatori non specializzati senza alcuna esperienza nel campo delle analisi chimiche possono misurare l’acidità dell’olio. Infatti l’analizzatore è fornito completamente tarato e pronto all’uso.

Per misurare l’acidità è sufficiente inserire l’esatta quantità di campione in una provetta fornita con reagenti pre-infialata, agitare e leggere il risultato: non è necessario determinare il punto di viraggio, non occorre saper usare una buretta e l’analisi può essere fatta tranquillamente in ufficio senza il rischio di sporcarsi.

La misura dell’acidità di un olio di oliva si ottiene immediatamente, non ci sono tempi di attesa e al termine dell’analisi non è necessario lavare contenitori o strumenti di analisi, o pulire la classica “vetreria”.

Il video mostra come si misura l’acidità dell’olio con CDR OxiTester

Rispetto agli acidimetri che si trovano in commercio CDR OxiTester è in grado di misurare l’acidità di un olio con una sensibilità di misura 10 volte superiore riuscendo ad apprezzare differenze fino allo 0,01%.

Inoltre CDR OxiTester semplifica la metodica analitica rispetto a quella impiegata nella titolazione effettuata in laboratorio anche perché non prevede la standardizzazione di soluzioni di analisi che sono sottoposte al rischio di degrado.

Clicca e Scopri CDR OxiTester:
Semplice da usare Risultati affidabili in pochi minuti

Misura dell’acidità di un olio di oliva was last modified: novembre 18th, 2016 by CDR s.r.l.