Approfondimenti e news

Benvenuti nella newsroom.

Resta sempre aggiornato su quello che accade in CDR.

Qui, oltre alle notizie, potrai scaricare documenti tecnici, comunicati stampa e le pubblicazioni istituzionali; troverai informazioni sugli eventi che organizziamo e ai quali partecipiamo.

 

Scarica l’articolo “Le analisi per il controllo del processo di birrificazione” per approfondire le tematiche legate alle analisi chimiche utili a implementare un controllo del processo di produzione della birra efficace per ottenere una birra artigianale priva di difetti e standard produttivi elevati

L’inizio della stagione era giustamente turbato da una previsione di produttività ridotta: la previsione è stata rispettata. In particolare in alcune regioni del centro Italia la produttività è stata molto scarsa, mentre a livello nazionale la produzione è risultata sotto la media, ma ha registrato un incremento rispetto alla campagna olearia precedente. E per quanto riguarda la qualità?

All’inizione della stagione olearia 2017 sono state previste una bassa produttività e alta qualità dell’olio. Nei laboratori chimici di CDR abbiamo iniziato ad analizzare i campioni di olio della stagione 2017. Vediamo i primi risultati delle analisi dell’olio. Le previsioni sono state rispettate?

Per la produzione di un olio di oliva le caratteristiche della materia prima sono certamente fondamentali, ma il processo di lavorazione del frantoio gioca un ruolo assai importante per un prodotto di alta qualità come dovrebbe essere l’olio extravergine d’oliva. Vediamo come è possibile aumentare la qualità dell’olio extravergine di oliva prodotto impiegando un costante monitoraggio di alcuni parametri chimici e quali siano i metodi per determinarli.

Allestire un laboratorio per il controllo di qualità in cantina è un fattore determinante per la qualità del vino? Quali sono le difficoltà che si possono incontrare nell’effettuare il controllo di qualità in cantina? Quali sono le soluzioni che rendono semplice il controllo della vinificazione? Per approfondire queste tematiche scarica l’articolo IL CONTROLLO COMPLETO DELLA VINIFICAZIONE IN UN UNICO STRUMENTO D’ANALISI.

Come è noto, a causa del global warming, stiamo assistendo a condizioni climatiche sempre più avverse e estreme. L’innalzamento delle temperature medie sta infatti determinando un aumento della frequenza di annate calde e siccitose alternate a annate piovose e fresche. In condizioni climatiche estreme oltre alle consuete analisi di zuccheri, acidità totale, pH e acido acetico, l’azoto prontamente assimilabile (APA) e l’acido gluconico costituiscono parametri fondamentali, a disposizione dell’enologo, per gestire al meglio il processo fermentativo, base di partenza imprescindibile per l’ottenimento di un vino di qualità.
Cosa sono l’azoto prontamente assimilabile e l’acido gluconico? Come queste analisi possono influire sulla fermentazione alcolica? Per un approfondimento su questi importanti temi potete scaricare l’articolo: LA VINIFICAZIONE NELL’ERA DEL GLOBAL WARMING

Invia la richiesta