La determinazione della stabilità ossidativa dell'olio

CDR OxiTester sistema di analisi chimiche dell'olio di oliva rapido 

semplice e affdabile in frantoio in oleificio nell'acquisto

Per conoscere la shelf life (conservabilità) di un olio di oliva è necessario determinare la sua stabilità ossidativa; il metodo ufficiale per misurare questo parametro è il metodo Rancimat per la determinazione dell’indice di stabilitàdell’olio.

In uno studio[1] pubblicato su Journal of AOAC International Vol. 91, No 4, 2008 il metodo fotometrico CDR OxiTester per la determinazione dei polifenoli/indice di stabiltà dell’olio di oliva è stato validato e comparato con il metodo Rancimat.

Lo studio condotto da la società Minerva S.A. e N. Asteriadis S.A.in collaborazione con l’università di Atene dimostra che il metodo CDR OxiTester per la rilevazione dei polifenoli/indice di stabilità semplice e veloce si è rivelato una valida alternativa al metodo Rancimat.

Infatti lo studio rileva una adeguata correlazione tra i due metodi su un ampio numero di campioni di olio con caratteristiche molto diverse tra loro.

Inoltre lo studio evidenzia due aspetti innovativi di CDR OxiTester rispetto al metodo Rancimat:

  • la capacità di deteminare le qualità organolettiche dell’olio in quanto il risultato dell’analisi è ben correlato alla concentrazione di polifenoli totali presenti nel prodotto
  • La velocità di CDR OxiTester nel determinare l’indice di stabilità di un olio; infatti sufficienti 6 minuti, mentre con metodo Rancimat in media si impiegano 10 – 12 ore. Un ulteriore vantaggio del metodo CDR OxiTester è costituito dall’assoluta mancanza di lavaggio della strumentazione.

[1] “A novel photometric Method for evaluation of oxidative stability of vergin olive oils”. [VN Kamvissis. Minerva S.A. Edible Oils Enterprises, Analytical Laboratory Department. EG Barbounis. N. AsteriadisS.A., Application Department. NC Megoulas, MA Koupparis. University of Athens, Laboratory of Analytical Chemistry. Journal of AOAC International Vol. 91, No 4,2008]

Clicca e scopri tutte le analisi che puoi fare con CDR OxiTester Semplice da usare, in pochi minuti risultati correlati ai metodi ISO

« back

Invia la richiesta

Con i sistemi CDR fai le analisi in autonomia

Non ci vogliono né un tecnico né le attrezzature di un laboratorio specializzato per utilizzarlo: CDR Foodlab semplifica le procedure tradizionali di analisi, garantendo standard di accuratezza in linea con i metodi di riferimento.

Kit analitico

I sistemi di analisi CDR FoodLab impiegano reagenti forniti già infialati in provette monouso messi a punto dai laboratori CDR per la specifica applicazione che insieme alle procedure analitiche consentono di:

  • rendere la preparazione del campione assente o molto facile e veloce
  • rendere le metodiche analitiche molto rapide e semplici
  • eliminare la necessità di procedure di calibrazione

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi.

Sono disponibili anche confezioni da 100 test composte da 10 confezioni da 10 provette.

Pochi passaggi bastano per avere già il risultato

Ti saranno sufficienti pochi passaggi per eseguire i test in modo autonomo e rapido. Il sistema comprende sia l’analizzatore a tecnologia fotometrica sia i reagenti pronti all’uso, sviluppati da CDR a bassa tossicità.

CDR Foodlab conviene anche perché non richiede l’uso di materiali costosi, azzera i costi di manutenzione, quelli di assistenza e di calibrazione.
Scopri come lavora