Olio Oliva

CDR OxiTester è calibrato per effettuare la nuova analisi dei Polifenoli Totali / Biofenoli con risultati conformi a quelli ottenuti con il metodo ufficiale del Consiglio Oleicolo Internazionale.
La calibrazione è stata effettuata attraverso le prove di confronto fra i valori di biofenoli di alcuni oli ottenuti con il metodo CDR, con i valori ottenuti con il metodo di riferimento (COI/T.20/Doc. n. 29: 2009).
Il nuovo test dei Polifenoli Totali tarato con il metodo ufficiale COI è ora disponibile sulla nuova linea di analizzatori CDR OxiTester.

Il nuovo test dei Polifenoli Totali (Biofenoli) utilizzato da CDR OxiTester è stato tarato con il metodo di riferimento COI/T.20/Doc. n. 29: 2009, dal Laboratorio Chimico Merceologico di Firenze: i risultati di Polifenoli Totali su olio d’oliva, ottenuti con il sistema CDR OxiTester, sono ben correlati al metodo di riferimento.

Dopo la campagna olearia dell’anno scorso che è stata la più nera per il settore olivicolo per l’Italia dal dopoguerra, il 2015 ha segnato veramente la rinascita dell’olio extravergine toscano?

Nella puntata del 3 Dicembre 2015 di Striscia la Notizia, il noto programma di Canale 5, è andato in onda un servizio sull’olio extravergine d’oliva e le truffe, durante il quale il commissario Desiati del Corpo Forestale dello Stato ha eseguito in pochi minuti delle analisi su alcuni campioni di oli di oliva con il nuovo CDR OxiTester Junior.

Molto si è fatto a livello normativo in Italia per limitare le contraffazioni dell’olio e tutelarne i parametri nutrizionali pregiati. Ma se la normativa è uno strumento imprescindibile contro le contraffazioni, è chiaro che non è sufficiente da sola a chiarire il valore organolettico dell’olio: la determinazione dei polifenoli può aiutare a migliorare la definizione di qualità oltre a supportare il lavoro del comparto oleario

Venerdì 13 marzo Simone Pucci, responsabile del laboratorio chimico R&D di CDR, parteciperà al corso per responsabile di frantoio promosso dall’AIFO come relatore durante l’ottava giornata formativa del corso: parlerà di analisi dell’olio di oliva, di controllo qualità in frantoio e di CDR OxiTester.

23 Dicembre 2013 – Come gli scorsi anni, il laboratorio chimico R&D di CDR ha effettuato un’indagine sulla qualità dell’olio di oliva toscano attraverso l’analisi di alcuni campioni di olio provenienti da varie province toscane. sono in particolare analizzati gli effetti della mosca olearia sulla produzione della campagna 2013. Simone Pucci, responsabile del laboratorio, illustra lo studio in questo articolo.

Invia la richiesta