Polifenoli olio

La qualità dell’olio di oliva prodotto quest’anno è molto al di sotto della media registrata negli anni scorsi. Il nostro laboratorio di ricerca ha fatto l’annuale indagine analitica su campioni di olio prodotto in Toscana: ecco i risultati nel dettaglio ed un interessante studio sul rapporto tra qualità e piovosità.

23 Dicembre 2013 – Come gli scorsi anni, il laboratorio chimico R&D di CDR ha effettuato un’indagine sulla qualità dell’olio di oliva toscano attraverso l’analisi di alcuni campioni di olio provenienti da varie province toscane. sono in particolare analizzati gli effetti della mosca olearia sulla produzione della campagna 2013. Simone Pucci, responsabile del laboratorio, illustra lo studio in questo articolo.

Il controllo dei parametri chimici dell’olio di oliva durante tutte le fasi della filiera permette di ottenere un prodotto finito di qualità. Con sistema CDR OxiTester è possibile effettuare rapidamente analisi sull’olio di oliva in ogni fase della filiera produttiva.

La stagione olearia 2012 in Toscana, nonostante il calo di produzione riscontrato in alcune zone, è stata di livello qualitativo molto elevato. La prolungata siccità estiva ha sicuramente contribuito a ridurre al minimo l’attacco di mosca olearia Come l’anno scorso, nel laboratorio di chimica CDR è stata fatta una piccola indagine sulla qualità dell’olio Toscano

I polifenoli sono tra i componenti più preziosa dell’olio vergine di oliva, unico fra i grassi vegetali a esserne ricco. Tali sostanze, che ne determinano il caratteristico aroma fruttato e il gusto piccante e amaro, sono dotate di un elevato potere antiossidante. Ecco alcune domande comuni riguardo a questi componenti dell’olio di oliva non sempre adeguatamente valutati

La stagione olearia in Toscana è stata caratterizzata da scarsa produzione e raccolta anticipata causate da vari fattori tra cui scarsa fioritura e siccità estiva. Abbiamo analizzato 34 campioni di olio proveniente da varie zone della Toscana per scoprire la qualità dell’olio di quest’anno

Richiedi un preventivo gratuito!
Con i sistemi CDR fai le analisi in autonomia

Non ci vogliono né un tecnico né le attrezzature di un laboratorio specializzato per utilizzarlo: CDR Foodlab® semplifica le procedure tradizionali di analisi, garantendo standard di accuratezza in linea con i metodi di riferimento.

Kit analitico

I sistemi di analisi CDR FoodLab® impiegano reagenti forniti già infialati in provette monouso messi a punto dai laboratori CDR per la specifica applicazione che insieme alle procedure analitiche consentono di:

  • rendere la preparazione del campione assente o molto facile e veloce
  • rendere le metodiche analitiche molto rapide e semplici
  • eliminare la necessità di procedure di calibrazione

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi.

Sono disponibili anche confezioni da 100 test composte da 10 confezioni da 10 provette.

Pochi passaggi bastano per avere già il risultato

Ti saranno sufficienti pochi passaggi per eseguire i test in modo autonomo e rapido. Il sistema comprende sia l’analizzatore a tecnologia fotometrica sia i reagenti pronti all’uso, sviluppati da CDR a bassa tossicità.

CDR Foodlab® conviene anche perché non richiede l’uso di materiali costosi, azzera i costi di manutenzione, quelli di assistenza e di calibrazione.
Scopri come lavora