Il metodo CDR BeerLab® per la determinazione dell'anidride solforosa totale (SO2) nella birra.

CDR BeerLab sistema di analisi per il controllo di qualità in tutte le fasi della birrificazione

I ricercatori del laboratorio chimico CDR hanno realizzato questo studio per dimostrare che l’accuratezza e la ripetibilità del metodo CDR BeerLab® per la determinazione della anidiride solforosa totale nella birra sono ottime.

Articolo sullo studio del nuovo metodo per la determinazione della anidride solforosa totale (SO2) nella birra con CDR BeerLabI solfiti sono ampiamente utilizzati come additivi nelle bevande per impedire il deterioramento per ossidazione e la crescita batterica durante la loro produzione e il loro stoccaggio.

In particolare, il biossido di zolfo viene considerato come il fattore più importante nel preservare la durata della birra, perché inibisce la sua ossidazione. Infatti, è impiegato dai produttori di birra sotto forma di matabisolfito di potassio (K2S2O5), comunemente conosciuto come E224.

Sono stati sviluppati diversi metodi per la determinazione accurata del biossido di zolfo totale (SO2) nella birra, dal momento che è essenziale per assicurare la conformità alle normative vigenti.

CDR propone un nuovo metodo, più semplice e più veloce rispetto alle procedure tradizionali, che ottimizza il metodo EBC (European Brewery Convention).

CDR BeerLab® determina la quantità di SO2 totale nella birra, grazie ad un unico analizzatore, facile da usare, che può essere utilizzato anche da personale non esperto in pratiche da laboratorio. In questo modo il produttore è in grado di migliorare il controllo di qualità in tutte le fasi di produzione della birra, potendo eseguire le analisi chimiche in tempo reale in impianto.

I risultati dello studio

La linearità del metodo è stata testata con acqua deionizzata ed la calibrazione è stata effettuata con soluzioni standard

Curva di Calibrazione del metodo di analisi CDR BeerLab per la determinazione della anidride solforo totale (SO2) nella birra

I risultati delle prove di recupero del metodo CDR BeerLab® per la determinazione di SO2 totale nella birra.

Tablella dei risultati delle prove di recupero del metodo CDR BeerLab per la determinazione della SO2 totale nei campioni di birra

Risultati delle prove di ripetibilità del metodo CDR BeerLab® per la analisi della SO2 totale nella birra.

Tabella dei risultati delle prove di ripetitività dei risultati dell'analisi della SO2 totale nella birra con il metodo CDR BeerLab

Scarica lo studio completo realizzato dai ricercatori del laboratorio chimico CDR: “CDR BeerLab® method for the determination of total SO2 in beer

 

Clicca qui per maggiori informazioni su CDR BeerLab® per analisi della birra in birrificio

« back

Invia la richiesta

Con i sistemi CDR fai le analisi in autonomia

Non ci vogliono né un tecnico né le attrezzature di un laboratorio specializzato per utilizzarlo: CDR Foodlab® semplifica le procedure tradizionali di analisi, garantendo standard di accuratezza in linea con i metodi di riferimento.

Kit analitico

I sistemi di analisi CDR FoodLab® impiegano reagenti forniti già infialati in provette monouso messi a punto dai laboratori CDR per la specifica applicazione che insieme alle procedure analitiche consentono di:

  • rendere la preparazione del campione assente o molto facile e veloce
  • rendere le metodiche analitiche molto rapide e semplici
  • eliminare la necessità di procedure di calibrazione

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi.

Sono disponibili anche confezioni da 100 test composte da 10 confezioni da 10 provette.

Pochi passaggi bastano per avere già il risultato

Ti saranno sufficienti pochi passaggi per eseguire i test in modo autonomo e rapido. Il sistema comprende sia l’analizzatore a tecnologia fotometrica sia i reagenti pronti all’uso, sviluppati da CDR a bassa tossicità.

CDR Foodlab® conviene anche perché non richiede l’uso di materiali costosi, azzera i costi di manutenzione, quelli di assistenza e di calibrazione.
Scopri come lavora