Valutazione della correlazione tra metodiche CDR BeerLab® e ufficiali per analisi su birra, mosto e acqua

Studio di correlazione tra i risultati della analisi di birra, mosto e acqua CDR BeerLab e metodi di riferimeto - Univerità di Udine

Il Dipartimento di Scienze AgroAlimentari, Ambientali e Animali dell’Università degli Studi di Udine, sotto la guida del dottor Stefano Buiatti, ha eseguito:

Analisi statistica

Per verificare la presenza o meno di correlazione sono stati impiegati il coefficiente di correlazione di Pearson (r) e il p-value (program CoStat 6.204, CoHort Software, Monterey Ca, Usa). La correlazione è stata considerata statisticamente significativa con p < 0,05.

Le analisi della birra e del mosto

Le analisi della birra prese in considerazione sono:

  • Grado alcolico: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e Alcolyzer Beer Analyzing System (Anton Paar);
  • pH: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e il metodo di riferimento (EBC 9.35);
  • Colore: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e il metodo di analisi ufficiale (EBC 9.6);
  • FAN (Free Aminoacid Nitrogen): valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e i metodi EBC 8.10 e 9.10;
  • Zuccheri ferementescibili: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e il metodo di analisi ufficiale (EBC 8.7);
  • Amaro: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e il metodo di analisi ufficiale (EBC 9.8);
  • Acido lattico: valutazione della comparazione tra CDR BeerLab® e kit enzimatico D-LACTIC ACID and L-LACTIC ACID della Megazyme (metodo EBC 9.34);

Campioni (birre e mosti)

Sono stati analizzati ventotto diversi tipi di birre commerciali. I campioni sono stati scelti di marche diverse e con diverse caratteristiche al fine di coprire l’intervallo di interesse in funzione del parametro testato.

Per poter effettuare le analisi degli zuccheri fermentescibili e andare a valutare la correlazione del risultato analitico ottenuto mediante l’analisi HPLC e quello tramite la trumentazione CDR BeerLab®, sono stati prodotti dodici diversi mosti con temperature di ammostamento e formulazioni differenti.

Per poter effettuare le analisi dei FAN e valutare la correlazione del risultato analitico ottenuto mediante l’analisi ufficiale e quello tramite il CDR BeerLab®, sono stati prodotti sei diversi mosti con concentrazioni e formulazioni differenti

I Risultati della valutazione

la valutazione della correlazione tra i risultati delle analisi della birra e del mosto ottenuti con il CDR BeerLab® e con quelli ottenuti con le metodiche ufficiali EBC (European Brewery Convention)

I metodi hanno fornito risultati statisticamente correlati (p < 0.05) con bassi valori di deviazione standard che indicano una buona precisione.

Analisi sulle acque

Valutazione correlazione tra i risultati ottenuti con il CDR BeerLab® e con le metodiche ufficiali sui seguenti parametri relativi al controllo qualità dell’acqua impiegata nella filiera di produzione della birra:

  • Calcio: metodica spettrofotometrica (Metodo ufficiale) impiegando i reattivi del kit fornito dalla Merck (Spectroquant® Test calcio);
  • Magnesio: analisi spettrofotometrica (kit Spectroquant® Test magnesio fornito dalla Merck);
  • Potassio: metodo ufficiale (analisi spettrofotometrica, kit Spectroquant® Test potassio fornito dalla Merck);
  • Cloruri: metodica ufficiale (titolazione argentometrica, Belli et al., 2003);
  • Solfati: metodo ufficiale (analisi torbidimetrica, Belli et al., 2003);
  • Bicarbonati: metodo ufficiale (titolazione complessometrica, Belli et al., 2003).

Campioni d’acqua analizzati

Le acque minerali naturali vengono identificate a seconda del residuo fisso, cioè della quantità di sali minerali disciolti in un litro misurati dopo evaporazione a 180°C ed espressi in mg/L:

  • minimamente mineralizzate, con residuo fisso inferiore a 50 mg/L;
  • oligominerali, con residuo fisso tra 50 e 500 mg/L; 
  • mediominerali, con residuo fisso tra 500 e 1500 mg/L; 
  • ricche di sali minerali, con residuo fisso superiore a 1500 mg/L

Sono stati quindi analizzati diciannove diversi tipi di acque (commerciali e di rete); i campioni sono stati scelti di marche diverse e con diverso contenuto in sali minerali al fine di coprire l’intervallo di interesse del parametro testato con il CDR BeerLab® (limiti minimi e massimi di misura).

I Risultati della valutazione

Correlazione analisi dell'acqua con CDR BeerLab e metodi di riferimento - Università di Udine

I metodi hanno fornito risultati statisticamente correlati (p < 0.05) con bassi valori di deviazione standard che indicano una buona precisione.

 

Studio di correlazione tra i risultati della analisi di birra, mosto e acqua CDR BeerLab e metodi di riferimeto - Univerità di Udine Scarica lo studio completo “ANALISI MOSTI E BIRRE Valutazione della correlazione tra i risultati ottenuti con il CDR BeerLab® e le metodiche ufficiali” del Dipartimento di Scienze AgroAlimentari, Ambientali e Animali dell’Università degli Studi di Udine eseguito sotto la guida del dottor Stefano Buiatti

Richiedi un preventivo gratuito!
Con i sistemi CDR fai le analisi in autonomia

Non ci vogliono né un tecnico né le attrezzature di un laboratorio specializzato per utilizzarlo: CDR Foodlab® semplifica le procedure tradizionali di analisi, garantendo standard di accuratezza in linea con i metodi di riferimento.

Kit analitico

I sistemi di analisi CDR FoodLab® impiegano reagenti forniti già infialati in provette monouso messi a punto dai laboratori CDR per la specifica applicazione che insieme alle procedure analitiche consentono di:

  • rendere la preparazione del campione assente o molto facile e veloce
  • rendere le metodiche analitiche molto rapide e semplici
  • eliminare la necessità di procedure di calibrazione

I reagenti sono confezionati in buste di alluminio contenenti 10 provette utili per eseguire 10 analisi.

Sono disponibili anche confezioni da 100 test composte da 10 confezioni da 10 provette.

Pochi passaggi bastano per avere già il risultato

Ti saranno sufficienti pochi passaggi per eseguire i test in modo autonomo e rapido. Il sistema comprende sia l’analizzatore a tecnologia fotometrica sia i reagenti pronti all’uso, sviluppati da CDR a bassa tossicità.

CDR Foodlab® conviene anche perché non richiede l’uso di materiali costosi, azzera i costi di manutenzione, quelli di assistenza e di calibrazione.
Scopri come lavora